• PAROLA INGLESE, FRANCESE, OLANDESE, TEDESCA E RUSSA

Processo di esproprio in Spagna. La tua proprietà spagnola può essere espropriata? Come?

Processo di esproprio in Spagna. La tua proprietà spagnola può essere espropriata? Come? 150 150 TLA

Un esproprio è definito come "prendere terra senza il consenso del proprietario ...".

È difficile immaginare un esercizio dell'autorità governativa che possa avere un impatto più diretto sui diritti di proprietà di un proprietario rispetto alla presa della terra di un proprietario senza il consenso del proprietario.

Come professionisti siamo spesso consultati da entrambi i proprietari terrieri in materia di espropriazione. Spesso, i problemi di valutazione che sorgono nelle richieste di esproprio sono complessi.

La comprensione del processo di esproprio può essere di notevole aiuto per il perito, già affrontato con un compito sostanziale.

Questa presentazione ha lo scopo di fornire una panoramica generale e la comprensione del processo di esproprio dall'inizio alla fine. Comprensibilmente, il processo di espropriazione è altamente tecnico e specializzato e, sia per i proprietari terrieri che per le autorità espropriate, la consulenza di esperti su questioni strategiche critiche con una comprensione del processo può fare la differenza tra un risultato equo ed equo e un disastro.

Se l'espropriazione è giustificata dallo scopo di "pubblica utilità", il proprietario non può opporsi a questa decisione dell'amministrazione.

L'esproprio necessario o obbligatorio deve essere motivo di sfiducia tra i cittadini, poiché implica costringerli a consegnare all'amministrazione i loro beni o beni. Nel processo di costruzione di una strada, un ponte o un'area sportiva (infrastrutture pubbliche), molto spesso è necessario rivendicare la proprietà del terreno che appartiene a particolari. Bisogna tener conto del fatto che la Pubblica Amministrazione è l'unica entità con facoltà sufficiente per forzare i particolari a fornire le loro proprietà. E, contro questo potere, il particolare non può fare opposizione.

Ad esempio, il proprietario riceve un risarcimento per il danno economico o uno scambio con altre attività. Questa compensazione è nota come “Prezzo equo” (Justiprecio), che, sfortunatamente, molto spesso non è "giusto" come desiderabile, ed è il punto più combattivo del processo.

Cause di esproprio. Leggi spagnole

L'esproprio obbligatorio implica la trasmissione della proprietà da un particolare all'Amministrazione, che può acquisirla anche senza il consenso del proprietario. È regolato nel Atto di esproprio obbligatorio, dal 1954 (Ley de Expropiación Forzosa de 1954), atto normativo del 1957 (RD 1957), e la nuova Legge sulla terra rimborsata dal 20 giugno 2008 (Real Decreto legislativo 2/2008, del 20 giugno, per data di apertura del rimborso del prestito).

La principale conseguenza di questi regolamenti è l'obbligo di cedere i beni richiesti dall'amministrazione, quando lo scopo dell'uso è adeguato alle leggi.

La legge conferma che l'espropriazione può essere decisa dalla tenuta, il governo della regione (Comunità autonoma), la Provincia (Provincia), l'Isola o il Consiglio locale (Ayuntamiento), ed è la manifestazione più assoluta del Potere Pubblico, di fronte alla quale il particolare non può opporsi in alcun modo legale se l'azione è debitamente giustificata e secondo le leggi.

È per questo motivo che il primo passo nel processo di esproprio è la dichiarazione di "Utilità pubblica" dalla proprietà o diritto di espropriare. In effetti, è assolutamente indispensabile dichiarare come "utilità pubblica" tale diritto o proprietà.

Questo requisito di "utilità pubblica" è così importante che l'organismo che deve espropriare deve essere "pubblico". Significa, ad esempio, nel progetto AVE nella regione, l'istituzione di esproprio è il Ministero delle infrastrutture pubbliche (Ministerio de Obras Públicas) e non RENFE né ADIF.

Quali oggetti possono essere espropriati?

Sebbene nella maggior parte dei casi gli espropri siano al di sopra della proprietà di beni immobili, può essere soggetto a esproprio qualsiasi tipo di bene come opere d'arte, automobili, navi, obbligazioni, azioni e qualsiasi altro diritto che, in determinate circostanze, può essere necessario per "Public Utility".

Processo di esproprio

Il primo passo è la dichiarazione di "Public Utility". Tale dichiarazione deve essere fatta sempre attraverso un atto legale o in un accordo del Consiglio dei ministri (Consejo de Ministros), salvo nei casi in cui il patrimonio o il bene è assolutamente "essenziale" per i progetti pubblici che devono essere sviluppati dal estate.

In questi ultimi casi, l '"Uitilità pubblica" è considerata implicita e l'amministrazione deve solo pubblicare i beni o le proprietà da espropriare nel Bollettino Ufficiale Pubblico (Boletín Oficial del Estado - BOE), nel Bollettino Ufficiale della Provincia (Boletín Oficial de la Provincia), e uno dei giornali più popolari della Provincia.

Dopo questa pubblicazione, inizierà un intervallo di tempo di 15 giorni di informazione pubblica. Lascerà ai particolari interessati la possibilità di opporsi e correggere le irregolarità nelle informazioni.

Dopo questi 15 giorni, ci sono altri 20 giorni in cui l'amministrazione studia ciascuna delle opposizioni o delle irregolarità ottenute. Trascorso questo tempo, l'amministrazione dichiara "necessità di occupazione" (necesidad de ocupación), che deve essere pubblicata e notificata individualmente a tutti gli interessati.

In effetti, è molto importante la notifica individuale ai particolari coinvolti. Altrimenti, l'espropriazione non può essere "legale". Contro questa notifica, il particolare non può fare opposizione, ma può considerare non valida la dichiarazione di "Utilità pubblica" dei propri possedimenti e la dichiarazione di "necessità di occupazione", nel processo amministrativo e nelle Corti e nei Tribunali.

Una delle cause più popolari di opposizione al processo di espropriazione sono gli errori nel processo di informazione pubblica di 15 giorni.

Una volta ricevuta la notifica, i particolari hanno 10 giorni per opporsi a tale notifica. Questa opposizione verrà inserita direttamente nel processo amministrativo, non nei tribunali, e l'amministrazione avrà 20 giorni per decidere. Nel frattempo, il processo di espropriazione sarà in attesa con un limite di 30 giorni.

Il "prezzo equo" - Justiprecio

Una volta confermata l'espropriazione, l'interessato avrà diritto a ricevere un risarcimento, noto come "Prezzo equo" o "Giustiprecio". L'importo di questo compenso viene calcolato con una precedente valutazione delle attività e dei diritti soggetti a esproprio e può essere concordato "amichevole" tra le parti in 15 giorni.

Se questo importo viene concordato, il processo sarà terminato.

Ad esempio, se le parti non arrivano a un accordo con quel prezzo, deve essere aperto un nuovo processo in cui l'amministrazione lascia 20 giorni ai proprietari per presentare le loro considerazioni sulla valutazione della proprietà e proporre un prezzo (Hoja de Aprecio ).

L'amministrazione può quindi accettare o rifiutare questa proposta. Se accetta, il processo sarà completo.

Ad esempio, se l'amministrazione rifiuta di accettare il prezzo proposto per la parte, effettuerà un'altra valutazione (Hoja de Aprecio) che gli notificherà al proprietario di studiarla per un periodo di 15 giorni.

Se accetta, il processo sarà completo.

Ad esempio, se il proprietario non accetta l'ultimo prezzo offerto dall'amministrazione, il caso verrà portato alla Provincia Tribunali di esproprio (Giuria provinciale di esproprio), che sarà finalmente quello a decidere sul prezzo equo.

Questi tribunali si trovano nella capitale della provincia (Alicante, Murcia, Almeria, Albacete, Valencia, Malaga, Granada, Cadice) e sono costituiti da un presidente e quattro assistenti, essendo un funzionario pubblico, un rappresentante dell'Associazione degli agricoltori (Cámara Agraria) e un notaio. La loro funzione è quella di studiare le proposte di prezzo dalle parti e di prendere la decisione giusta. In teoria, dovrebbero prendere al massimo 8 giorni per prendere la decisione (dalla mia esperienza, so che ci vogliono, a volte uno o due anni!).

La decisione dei tribunali di esproprio può essere rifiutata e inviarla a un tribunale superiore. In caso di ritardo nella decisione dei tribunali di espropriazione per più di 6 mesi, gli interessi possono essere uniti all'importo della compensazione. E, se c'è una decisione sul prezzo, ma l'amministrazione non paga per più di 2 anni, la proprietà deve essere presa una nuova valutazione sulla proprietà al fine di verificarne il valore dopo tale periodo, questo si chiama "retasación".

Dopo la presentazione della "retasación", ricominciare il processo per ottenere un nuovo "Prezzo equo". Una volta ottenuto e pagato il nuovo prezzo, la proprietà può essere occupata dall'amministrazione per un tempo limitato. A volte, l'amministrazione decide di scambiare il prezzo da pagare per la proprietà espropriata con un'altra proprietà.

Diritti di inversione

Il processo di esproprio può essere esteso per diversi anni fino a quando entrambe le parti non raggiungono un accordo sul "Prezzo equo", sebbene ciò non significhi che il processo di esproprio si fermi qui. In questo modo, il Ley 38/1999 del 5 de Noviembre de Ordenación de la Edificación (LOE), ha introdotto il "diritto di reversione". Questo diritto consente al proprietario di recuperare il totale della proprietà, o parzialmente, con il corrispondente rimborso del risarcimento ricevuto, se il progetto che ha causato l'espropriazione non sta andando avanti.

Questi sono i casi:

  • L'amministrazione decide di non andare avanti con il progetto
  • Dopo due anni dall'occupazione della proprietà da parte dell'amministrazione senza fare alcun lavoro nella proprietà.
  • Il progetto è stato sviluppato ma la funzione che soddisfa la proprietà ora non è di "Public Utility". Ad esempio, nel caso dell'AVE, il terreno è stato prelevato per creare una stazione ferroviaria e ora questa stazione non viene utilizzata affatto, il proprietario o i suoi eredi possono utilizzare il diritto di riacquistare la proprietà pagando il risarcimento ricevuto per l'esproprio (che sarebbe aggiornato a quel tempo) .– Se il terreno non serve per l'uso precedentemente considerato, ma può essere utilizzato

    per un altro "uso pubblico".

Esistono solo due eccezioni a tale regola, in cui il diritto di annullamento non può agire:

- Se il terreno non serve per l'uso precedentemente considerato, ma può essere utilizzato

per un altro "uso pubblico".

- Se il terreno viene utilizzato per l'utilità pubblica per più di 10 anni.



    **NOTA: In caso di problemi con l'invio del formulario, è sufficiente inviarci una mail cliccando in basso a destra di questa pagina, oppure direttamente a info@tlacorp.es