• PAROLA INGLESE, FRANCESE, OLANDESE, TEDESCA E RUSSA

IMPOSTA SUL REDDITO IN SPAGNA – CALCOLATORE DELL'IMPOSTA SUL REDDITO SPAGNOLO

(aggiornato gennaio 2022)

IMPOSTE SUL REDDITO PER GLI INDIVIDUI IN SPAGNA - PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE PENSIONI E AI REDDITI NEL REGNO UNITO

1.- FATTO IMPONIBILE – REDDITI E AFFITTI

L'evento imponibile è costituito da tutti i redditi percepiti durante l'ANNO NATURALE (in Spagna un "Anno Naturale" è dal 01.01 al 31.12):

- Persone fisiche o particolari, con residenza fiscale in Spagna.

Quali tipi di reddito ?: Stipendi, pensioni, redditi da locazione, redditi da attività economiche o professionali, profitti del gioco d'azzardo, donazioni, vendite, eredità, azioni, interessi, ecc.

2.- CHI È RESPONSABILE?

Tutte quelle persone fisiche che hanno la residenza abituale nel territorio spagnolo.

Quando si considera che un individuo o un individuo abbia la residenza abituale in Spagna?

Esistono diversi criteri per determinare quando una persona è residente fiscale in Spagna:

  • Criteri generali - Rimani in Spagna per più di 6 mesi

Una persona è considerata residente in Spagna quando rimane nel territorio spagnolo per più di 183 giorni durante un anno solare.

Per il conteggio del tempo non vengono presi in considerazione viaggi temporanei o soggiorni all'estero che non implichino un cambio di residenza. In altre parole, solo quei soggiorni all'estero che comportano un effettivo cambio di residenza saranno considerati a tal fine come «assenze».

In questo modo, un viaggio di andata e ritorno all'estero, che sia in vacanza, salute, visita di parenti, tempo libero, ecc., Non conterà come «assenza» e il tempo impiegato nel viaggio sarà conteggiato come «soggiorno in Spagna».

Caso di paradisi fiscali: A tal fine, un certificato di residenza rilasciato da un paradiso fiscale non sarà valido.

Tuttavia, se c'è un cambio di residenza «reale» del contribuente in un paradiso fiscale, una volta verificato questo cambiamento per più di 6 mesi e un giorno, per QUATTRO ANNI continuerà ad essere tassato in Spagna come residente fiscale.

Per la Spagna, un "paradiso fiscale" cessa di esserlo quando sono stati firmati accordi per evitare la doppia imposizione, con lo scambio di obblighi di informazione tra i due paesi.

Ad esempio, la Spagna ha firmato questo tipo di accordo con i seguenti paesi:

  • Malto
  • Emirati Arabi Uniti
  • Giamaica
  • Trinidad e Tobago
  • Lussemburgo
  • Panama
  • Barbados
  • Singapore

Criterio dell'attività economica PRINCIPALE

In base a questo criterio, si considera residente fiscale in Spagna chiunque abbia attività o interessi economici con il nucleo o la base principale in Spagna.

Nel caso in cui il contribuente non desideri essere considerato residente in Spagna in base a questo criterio, dovrà dimostrare di avere la base o il nucleo principale della sua attività al di fuori della Spagna.

  • Criterio del nucleo familiare

Una persona è considerata residente in Spagna nel caso in cui il coniuge non separato oi figli minori della persona fisica risiedano in Spagna.

  • Regime immigrato

Quei lavoratori che rimangono in Spagna solo ed esclusivamente per motivi di lavoro, saranno esenti e non saranno tassati dall'Imposta sul reddito delle persone fisiche, ma dall'Imposta sul reddito dei NON RESIDENTI (che è inferiore all'imposta dei residenti).

Affinché questa esenzione sia soddisfatta, queste persone devono dimostrare:

  • Che hanno un contratto di lavoro che richiede loro di rimanere in Spagna
  • Che non sono stati residenti in Spagna negli ultimi 10 anni

L'obiettivo di questo regime è quello di accogliere il lavoro qualificato in Spagna, poiché, poiché il reddito non è soggetto all'imposta sul reddito delle persone fisiche, che raggiunge aliquote vicine al 50%, consente di tassare questi redditi all'IRNR (imposta sul reddito dei non residenti), con un tasso fisso del 19% per i cittadini dell'Unione Europea e del 24% per il resto.

  • Regime di ripartizione del reddito

Oltre alle «persone fisiche» o alle «persone fisiche», esistono diversi casi soggetti anche all'imposta:

  1. Società civili
  2. Comunità di proprietari
  3. Eredità reclinabili

In questi casi, il reddito ottenuto da queste entità è attribuito ai membri che le compongono, in modo che l'ente stesso non sia tassato né dall'imposta sul reddito delle persone fisiche né dall'imposta sulle società.

Il modo per attribuire il reddito ottenuto da queste entità ai loro membri o partecipanti è fatto come segue:

  • Nel caso in cui i membri dell'entità siano soggetti passivi dell'imposta sulle società, pagheranno tale imposta.
  • Nel caso in cui i membri siano persone fisiche o persone fisiche, pagheranno l'imposta sul reddito delle persone fisiche.

3.- ESENZIONI DA IMPOSTE SUL REDDITO

Esiste un lungo elenco di redditi non tassati dall'imposta sul reddito delle persone fisiche, come il risarcimento in caso di licenziamento (i primi 180,000 euro sono esenti, il resto deve essere tassato come prestazione lavorativa); borse di studio per studio, redditi da lavoro all'estero (il limite di esenzione è di 60,100 euro annui), o indennità per maternità o paternità.

Di seguito presentiamo un elenco dei redditi esenti da tassazione in regime di imposta sul reddito delle persone fisiche, così come riscossi dall'Agenzia delle Entrate per anno fiscale 2021:

  • Benefici e pensioni concessi per atti di terrorismo.
  • Risarcimenti per lesioni personali che derivano da responsabilità civile e quelli derivanti da contratti di assicurazione contro gli infortuni.
  • Risarcimento per licenziamento o licenziamento del lavoratore.
  • Benefici per invalidità permanente assoluta o grande invalidità percepiti dalla Previdenza Sociale o dagli enti che la sostituiscono.
  • Pensioni per inutilità o invalidità permanente del regime di classe passiva.
  • Retribuzione per maternità o paternità e familiari assimilati e non contributivi.
  • Benefici pubblici per l'affidamento di persone con disabilità, di età superiore a 65 anni o inferiore.
  • Borse di studio.
  • Rendite per vitto a favore dei figli e delle figlie.
  • Premi letterari, artistici o scientifici di rilievo dichiarati esenti dal Tesoro e dai Premi Principessa delle Asturie.
  • Aiuto per atleti di alto livello, con un limite di 60,100 euro.
  • Indennità di disoccupazione percepite nel metodo di pagamento unico.
  • Piani di risparmio a lungo termine.
  • Gratificazioni per la partecipazione a missioni internazionali di pace o umanitarie ai membri di dette missioni e compensazione per operazioni internazionali di pace e sicurezza.
  • Indennità corrisposte dalle Pubbliche Amministrazioni per lesioni personali.
  • Benefici ricevuti per sepoltura o sepoltura.
  • Indennità dello Stato e delle Comunità autonome per compensare la privazione della libertà.
  • Piani di risparmio individuali.
  • Reddito da lavoro derivante dalle prestazioni ottenute sotto forma di reddito da persone con disabilità corrispondenti a contributi ai sistemi di sicurezza sociale e contributi ai beni protetti.
  • Benefici economici pubblici legati al servizio, per la cura in ambiente familiare e l'assistenza personalizzata.
  • Reddito minimo di inserimento e aiuti per le vittime di crimini violenti e violenza di genere.
  • Benefici familiari e aiuti ricevuti da una qualsiasi delle pubbliche amministrazioni, siano essi legati alla nascita, all'adozione, all'affido o alla cura dei figli minori.

Plusvalenze esentate

Inoltre, sono presenti redditi ottenuti tramite Capital Gain esenti da imposta, quali: Donazioni di beni con diritto alla detrazione della quota o al trasferimento della residenza abituale da parte di persone di età superiore ai 65 anni o in situazioni di grande dipendenza.

Tra questi, elenchiamo i seguenti:

  • Consegna dei beni del patrimonio storico in pagamento dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  • Data in pagamento della residenza abituale.
  • Guadagni azionari dal trasferimento di alcune proprietà.
  • Esenzione per azioni o partecipazioni di entità di nuova o recente creazione acquisite prima del 29 settembre 2013.
  • Reddito ottenuto dal debitore in una procedura fallimentare.
  • Aiuti per compensare i costi negli edifici interessati dal rilascio del dividendo digitale.
  • Guadagni esenti da reinvestimento in residenza abituale.

Guadagni o entrate da lavoro all'estero

Vogliamo fare una menzione speciale del reddito da lavoro all'estero.

In questi casi, sono considerati esenti quei redditi ottenuti da redditi da lavoro percepiti a seguito di lavoro effettivamente svolto all'estero per una società o ente non residente in Spagna, o una stabile organizzazione situata all'estero.

Affinché questa esenzione si applichi, è necessario quanto segue:

  • Che nel paese in cui è stato svolto il lavoro esiste un'imposta di natura identica o analoga all'imposta sul reddito delle persone fisiche spagnola
  • Che il territorio o il paese non è stato classificato come paradiso fiscale
  • Prova che c'è stato uno spostamento «reale»
  • Che il beneficiario dei lavori è un'entità o una stabile organizzazione non residente in Spagna. Il limite massimo dell'esenzione sarà di € 60,100 all'anno.

Importo minimo esentato 

Il sistema spagnolo stabilisce un determinato importo non imponibile. Questo importo è:

  • 1.- INDIVIDUALI, o coppia che effettuano la dichiarazione dei redditi separata:
    • 5.550 EUR per le persone di età inferiore a 65 anni
    • 6.700 EUR per le persone di età pari o superiore a 65 anni
    • 6,950 EUR per le persone di età pari o superiore a 75 anni
  • 2.- FAMIGLIE: Ne risulta sommare l'importo individuale ai seguenti:
  • MINIMO PER DIScendenti
    Per ciascuno di loro al di sotto dei 25 anni di età o portatori di handicap, qualunque sia l'età, purché conviventi con il contribuente, non abbiano un reddito annuo, escluso il reddito esente, superiore a 8,000 euro e non abbiano presentato la dichiarazione dei redditi. con redditi superiori a 1,800 euro, da:– 2,400 euro all'anno per il primo.
    – 2,700 euro all'anno per il secondo.
    – 4,000 euro all'anno per il terzo.
    – 4,500 euro annui per il quarto e successivi.
    Quando il discendente ha meno di tre anni, il minimo sarà aumentato di 2,800 euro all'anno.
  • MINIMO PER ASCENDENTI: 1,150 euro annui, per ciascuno di loro oltre i 65 anni di età o con disabilità, qualunque sia l'età, che convive con il contribuente da almeno sei mesi, non percepisce reddito annuo, escluso il reddito esente, superiore superiore a 8,000 euro e non ha presentato dichiarazione con reddito annuo superiore a 1,800 euro. Quando l'ascendente ha più di 75 anni, il minimo precedente sarà maggiorato di 1,400 euro annui (2,550 euro annui).
  • MINIMO PER DISABILITÀ:
    Il minimo per l'invalidità sarà la somma del minimo per l'invalidità del contribuente e del minimo per l'invalidità degli ascendenti e discendenti.
    Il minimo per l'invalidità del contribuente sarà di 3,000 euro annui e di 9,000 euro annui quando dimostri un grado di invalidità pari o superiore al 65%. Tale minimo sarà maggiorato di 3,000 euro annui quando si dimostri di aver bisogno di un aiuto di terzi o di mobilità ridotta, o di un grado di invalidità pari o superiore al 65%.
    Il minimo per l'invalidità degli ascendenti o discendenti sarà di 3,000 euro all'anno e di 9,000 euro quando è dimostrato un grado di invalidità pari o superiore al 65%. Tale minimo sarà maggiorato, a titolo di spese di assistenza, di 3,000 euro annui per ogni ascendente o discendente che dimostri di aver bisogno dell'aiuto di terzi o di mobilità ridotta, o di un grado di invalidità pari o superiore al 65%.
    Saranno considerati portatori di handicap i contribuenti che dimostrino un grado di invalidità pari o superiore al 33%.
  • Quando due o più contribuenti hanno diritto all'applicazione del minimo per discendenti, ascendenti o invalidità, nei confronti degli stessi ascendenti o discendenti, il suo importo sarà ripartito tra loro in parti uguali.
  • REGOLA IMPORTANTE: Nel caso in cui tu abbia deciso di fare dichiarazioni fiscali congiunte, l'importo massimo che puoi utilizzare come riduzione sarà di 5.500 EUR / anno. E questo, indipendentemente dall'età, dai familiari, ecc.

BONIFICHE REGIONALI SU ACQUISIZIONE/RIFORMA RESIDENZA PERMANENTE

A seconda della regione spagnola, potresti trovare diverse riduzioni e bonificazioni sull'imposta sul reddito per l'acquisto di una casa per vivere permanentemente o per riforme speciali (per ridurre l'energia, ecc.).

Qui ne troviamo alcuni:

Andalusia;

-Per i beneficiari degli aiuti alla casa protetta: una detrazione di 30 euro per i cittadini che hanno ricevuto aiuti o benefici per l'acquisizione o la riabilitazione di alloggi protetti. Il reddito annuo complessivo del nucleo familiare non può essere superiore a 2.5 o 3.5 o 5.5 volte l'Iprem in alloggi protetti rispettivamente a prezzo speciale, generale e limitato.

-Investimento in casa abituale protetta: il 2% dell'importo investito in acquisizione e/o riabilitazione viene trattenuto nei limiti del comma precedente ea condizione che si tratti di operazioni anteriori al 2003.

-Investimento in residenza abituale per i minori di 35 anni: Detrazione del 3% per le somme pagate per l'acquisto o la riabilitazione in operazioni antecedenti al 2003. La somma della base imponibile generale e quella del risparmio non può superare i 19,000 euro di tassazione individuale e 24,000 di comune.

Catalogna;

-Riabilitazione della residenza abituale: 1.5% degli importi pagati con un limite di 9,040 euro.

-Sezione regionale per investimenti in residenza abituale: una detrazione del 7.5% in generale e sale al 15% con la riabilitazione delle case per persone con disabilità. In termini generali, sale al 9% per i lavori prima del 30 luglio 2011 nelle persone di età pari o inferiore a 32 anni, con almeno sei mesi di disoccupazione, invalidità del 65% o facenti parte di un nucleo familiare con un figlio. Il limite è di 30,000 euro di base imponibile totale meno il minimo personale e familiare.

Comunità di Valenzano

-Prima acquisizione della residenza abituale con 35 anni o meno: la detrazione è del 5% di quanto versato (esclusi gli interessi) se la base imponibile totale non raggiunge i 15,039.18 euro.

-Acquisizione della residenza abituale da parte di persone con disabilità: stessa detrazione e stesso limite per le persone con disabilità fisiche o sensoriali di almeno il 65% o psichiche di almeno il 33%.

-Aiuti per l'acquisizione o la riabilitazione di una residenza abituale: le persone che hanno ricevuto questo tipo di aiuto possono detrarre 102 euro.

Murcia;

-Per investimento in residenza abituale da parte di giovani di età pari o inferiore a 35 annianni: la detrazione è del 5% delle spese di acquisto, costruzione, ampliamento o riabilitazione, ivi comprese altre quali finanziamenti esterni, interessi, ammortamenti… purché la base imponibile complessiva non ecceda 24,107.20 euro e la base imponibile del risparmio non ecceda 1,800 euro.

Baleari

-Per investimenti per migliorare la sostenibilità della residenza abituale: 50% degli investimenti «che migliorano la qualità e la sostenibilità delle case» con una base massima di 10,000 euro all'anno. La base imponibile totale non deve superare i 30,000 euro di tassazione individuale e 48,000 di tassazione congiunta.

RIDUZIONE DI DICHIARAZIONE CONGIUNTA

I componenti dello stesso nucleo familiare possono scegliere di presentare la dichiarazione dei redditi «congiunti». Ciò ridurrà l'importo di 3.400 EUR, o 2.150 EUR in caso di famiglie monoparentali.

La scelta della dichiarazione congiunta o separata dipenderà dal risultato individuale dell'imposta da parte di ciascun membro della famiglia.

Per questo, è molto importante sapere che l'«Importo minimo esentato» per persona non sarà moltiplicato per 2 in caso di dichiarazione congiunta. Questa riduzione sarà di soli 5.550 EUR dalla base dell'imposta.

Quindi, tenendo conto di ciò, alcuni esempi:

  • In caso di 2 pensionati, nella maggior parte dei casi, il più opportuno è dichiarare per separato.
  • Quando solo uno dei coniugi è il destinatario dello stipendio/pensione, di solito è più vantaggiosa la dichiarazione congiunta.

Come regola generale, la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche è presentata individualmente. Tuttavia, se sei sposato – sebbene l'Agenzia delle Entrate spagnola riconosca anche altri tipi di nucleo familiare – puoi scegliere di dichiarare congiuntamente, a condizione che tutti i suoi membri siano contribuenti di tale imposta.

Ricordalo per l'Agenzia delle Entrate. un nucleo familiare è:

  • un matrimonio con o senza figli minori o a carico
  • coppia di fatto («Pareja de hecho»)
  • o coppie monoparentali, per nucleo familiare si intende quello formato dal padre o dalla madre e da tutti i figli minori oa carico che convivono con il genitore.

Ma non dimenticare che optare per questa modalità un anno fiscale non ti obbliga a farlo in successivi quelli. Naturalmente, nell'anno fiscale in cui questa opzione è stata scelta, può essere modificata solo entro il termine regolamentare per la presentazione delle dichiarazioni.

Caratteristiche della dichiarazione congiunta nell'imposta sul reddito 2020

  • Reddito a qualsiasi titolo ottenuto da ogni singolo componente del nucleo familiare sarà soggetto a cumulativo tassazione.   Cioè, e questo è importante, si applica solo un minimo personale. Per i figli valgono solo i minimi per i discendenti e, se portatori di handicap, anche il minimo per la disabilità.
  • Tutti i componenti del nucleo familiare saranno soggetti all'imposta in solido, in modo che le  PIENE ammontare della tassa risultante dalla dichiarazione,  può essere richiesto nella sua interezza a chiunque di voi
  • Le stesse scale fiscali (generale e regionale o complementare) si applicano come per la tassazione individuale.

Vantaggi di fare la dichiarazione congiunta nel Reddito 2020

Sebbene ogni caso sia unico (a seconda delle circostanze personali ed economiche), questa modalità potrebbe essere interessante nei seguenti casi:

  • Fatti i matrimoni in cui un membro non percepisce reddito o se lo percepisce sono molto bassi (meno di 3,400 euro all'anno). Nelle dichiarazioni congiunte dei nuclei familiari integrati da matrimonio con o senza figli, l'Agenzia delle Entrate prevede una riduzione della base imponibile di 3,400 euro annui.
  • Fatti Famiglie monoparentali quando i figli non percepiscono reddito.
  • Nelle dichiarazioni congiunte dei nuclei familiari integrati da coniugi con figli, l'Agenzia delle Entrate prevede a riduzione della base imponibile di 3,400 euro annui.
  • In coppie di fatto ("coppie di diritto comune"),  solo uno dei suoi membri  (padre o madre)  può formare un nucleo familiare con i bambini  (minori oa carico) e, di conseguenza, optare per la tassazione congiunta, e l'altro componente della coppia deve dichiararsi individualmente. Lo stesso criterio si applica nei casi di separazione o divorzio con custodia e affidamento congiunto.
  • Coppie di fatto con figli o famiglie monoparentali sono soggetti a riduzione della base imponibile di 2,150 euro all'anno, che sommato al minimo personale dà un totale: 7,700 euro.
  • Un altro vantaggio della dichiarazione congiunta è quello le minusvalenze possono essere compensate da utili congiunti.
  • I limiti massimi delle riduzioni della base imponibile per i contributi ai regimi previdenziali, compresi quelli costituiti a favore delle persone con disabilità, ai beni tutelati delle persone con disabilità e alla Mutua di previdenza sociale degli atleti professionisti saranno applicati individualmente da ogni partecipante (contribuente, mutualista o assicurato) integrato nel nucleo familiare avente diritto a una di tali riduzioni.

Svantaggi di fare la dichiarazione congiunta nel Reddito 2020

  • In una qualsiasi delle modalità del nucleo familiare, il minimo personale applicabile nella dichiarazione congiunta sarà di 5,550 euro all'anno,  indipendentemente dal numero dei membri integrato in esso. E ci sono anche i limiti mantenuto per sapere se sei obbligato o meno a presentare la dichiarazione, saranno gli stessi  euro 22,000 per reddito da un unico pagatore sia che sia fatto individualmente o congiuntamente. Quindi, se una coppia optasse per la dichiarazione congiunta, il minimo personale sarebbe lo stesso (5,550 euro), con una riduzione della base imponibile di 3,400 euro annui. Totale: 8,950 euro. Pur facendolo separatamente, la riduzione è di 11,100 euro.

Come svantaggio di questa modalità, è importante saperlo l'Agenzia delle Entrate può decidere di risarcire secondo la regola delle partite negative di esercizi precedenti non compensate dai contribuenti che costituiscono il nucleo familiare indipendentemente dal fatto che provengano da una precedente dichiarazione individuale o congiunta.

Vantaggi della dichiarazione individuale

  • Quando si tassano individualmente, è necessario tenere presente che sarà necessario separare e individuare il reddito di ciascun componente della coppia,che implica non solo i redditi da lavoro o attività economiche, (che è relativamente semplice perché attribuiti a chi li ha generati), ma anche il resto del patrimonio: pensioni di vedova, piani pensionistici, assicurazioni, conti correnti, investimenti , ecc. Da questi concetti, alcuni di essi sono facili da realizzare identificare perché corrispondono al beneficiario, ma in caso di benefici ottenuti dalla prestazione di beni privati ​​da parte di ciascun coniuge manterranno quelli che sono a loro nome e (importantissimi) quei redditi provenienti da  capitale sarà imputato alla coppia il 50% ciascuno.
  • Così, tornando a il caso di matrimonio in cui entrambi lavorano e hanno uno stipendio "normale", è consigliabile nella maggior parte dei casi per fare la dichiarazione separatamente in quanto, da un lato, il reddito non è tassato cumulativamente (evitando di accrescere la progressività di detta scala) ed inoltre, la riduzione della base imponibile da parte di  La tassazione congiunta in caso di matrimonio è di 3,400 euro, mentre il minimo personale per una dichiarazione individuale è 5,550 ciascuno. In questo modo sarà sempre meglio optare per le dichiarazioni individuali per ridurre ulteriormente la base imponibile: gli 11,100 euro che si sommano alle riduzioni del farlo separatamente.

Avere figli influisce sul fare una dichiarazione individuale o congiunta?

Non ci sono grandi differenze tra dichiarazioni congiunte e individuali, in quanto la riduzione è la stessa per i figli e, nel caso di optare per la singola, ciascuno imputa il 50% della riduzione.

In caso di mutuo è meglio fare le dichiarazioni individuali o congiunte?

Fatti acquisti di immobili – quelli che costituiscono la residenza abituale– effettuate prima del 1 gennaio 2013 (dopo il 2013 non è previsto alcun bonus),  ogni  titolare  di uno ipoteca prestito  ha diritto ad a deduzione of  15%  sull'importo pagato in un anno, con un limite per  contribuente  di 9,040 euro.

Nell'individuo dichiarazioni,  ciascuno di essi può beneficiare della detrazione per l'acquisto di a residenza abituale of 15%,  con un limite di 9,040 euro. Cioè, tra loro possono arrivare a 18,080 euro di sgravio. Se si scegliesse la dichiarazione congiunta, la detrazione del 15% sarebbe applicata solo su un massimo di 9,040 euro per i due membri.

4.- BASE FISCALE

La base imponibile dell'imposta saranno i redditi da:

  1. Reddito: stipendi, redditi da capitale, attività e indennità, pensioni, pagamenti in natura, ecc.
  2. Reddito da plusvalenze e reddito imputato.

Per cominciare, il reddito deve essere classificato e quantificato in base alla sua origine, distinguendo così tra reddito da reddito, reddito da plusvalenze e minusvalenze e reddito imputato.

5.- SPESE DEDUCIBILI

Si possono dedurre i seguenti concetti:

  • Contributi alla previdenza sociale o alle mutue obbligatorie generali per i dipendenti pubblici.
  • Prelievi per diritti passivi (contributi dei dipendenti per il loro pensionamento).
  • Contributi a scuole orfane o simili.
  • Tasse pagate ai sindacati
  • Contributi obbligatori agli Ordini Professionali per la quota obbligatoria con limite di 500 euro annui.
  • Spese di difesa legale per contenzioso da parte del contribuente nei confronti del soggetto da cui percepisce il reddito fino a 300.00 euro / anno.

Riduzioni della base imponibile

Verrà applicata una serie di riduzioni all'importo derivante dalla sottrazione di entrate e rendite - spese deducibili, stabilite ogni anno dall'amministrazione spagnola.

6.- TARIFFA FISCALE

TASSO FISCALE PER REDDITI REGOLARI

redditiimposte Tasso
Fino a 12.449 €19%
12.450 - 20.199 €24%
20.200 - 35.199 €30%
35.200 - 59.999 €37%
60.000 - 299,999 €45%
+ 300.000 €47%

 

TASSO FISCALE PER IL RISPARMIO

redditiimposte Tasso
Fino a 6000 €19%
6000 - 49.999 €21%
50.000 - 199.999 €23%
+ 200.000 €26%

 COME VENGONO TASSATE LE PENSIONI?

In relazione all'imposta sul reddito delle persone fisiche in Spagna, le pensioni sono considerate come reddito da lavoro e, come tali, sono soggette a ritenuta alla fonte davanti al Tesoro, il pensionato riceve l'importo netto sul proprio conto corrente. In questo modo la ritenuta costituisce un “acconto” dell'imposta sul reddito personale finale.

Qual è la percentuale di conservazione?

Questa percentuale dipende da due condizioni:

  • L'importo totale della pensione: maggiore è la pensione, maggiore sarà la trattenuta.
  • La situazione personale e familiare del pensionato: quando ci sono circostanze come l'invalidità, la trattenuta è inferiore.

Esonero minimo dalle pensioni

Tutte le pensioni che non superano euro 22,000 nel reddito annuo sono esenti dalla dichiarazione dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, purché provengano UN UNICO PAGATORE (di solito previdenza sociale).

Però, i nel caso in cui il pensionato ottenga altri redditi derivanti da redditi da lavoro, o altre pensioni pubbliche o private, cioè che ha DUE PAGATORI, e che questo reddito sia superiore a 1,500 euro all'anno, il minimo esente sarà di euro 14,000.

Trattenute per tranches pensionistiche

Essi sono i seguenti:

  • Pensioni che non superano i 12,000 euro annui: meno dell'1%
  • Pensioni superiori a 12,000 euro all'anno:
  • 2.61% per pensioni da 12,001 a 18,000 euro annui
  • 8.69% per pensioni da 18,001 a 24,000 euro annui
  • 11.83% per pensioni da 24,001 a 30,000 euro annui
  • 15.59% per pensioni superiori a 30,000 euro annui

Una volta effettuata la dichiarazione finale dei redditi personali, il pensionato si troverà in una delle due situazioni:

  • Nel caso in cui gli importi versati a titolo di trattenuta siano stati SUPERIORI all'importo che dovrebbe essere pagato per l'imposta sul reddito delle persone fisiche, la dichiarazione sarà «A RESTITUIRE».
  • Nel caso in cui tali ritenute siano INFERIORI all'importo da pagare per l'imposta sul reddito delle persone fisiche, la dichiarazione sarà “DA PAGARE”.

PENSIONISTI RESIDENTI IN SPAGNA DI NAZIONALITÀ BRITANNICA

CONVENZIONE SULLA DOPPIA IMPOSTA SPAGNA-REGNO UNITO del 14 marzo 2013 (BOE del 15 maggio 2014)

In modo semplificato, tenendo conto delle disposizioni dell'Accordo tra Spagna e Regno Unito (CDI), la tassazione per i RESIDENTI FISCALI in Spagna del reddito di ORIGINE BRITANNICA più comunemente ottenuta sarebbe:

- Pensioni: intese come retribuzioni che hanno la loro causa in un lavoro precedentemente esercitato, hanno un trattamento diverso a seconda che siano pubbliche o private.

  • Pensione pubblica (articolo 18.2 CDI): per pensione pubblica si intende quella percepita in ragione di un precedente impiego pubblico; cioè, quello che si riceve in ragione di servizi resi a uno Stato, a una sua suddivisione politica o ad un ente locale, ad esempio, la pensione percepita da un funzionario.

Il suo trattamento è:

  1. In generale, le pensioni pubbliche saranno tassate solo nel Regno Unito. In Spagna sarebbero esenti, con esenzione progressivamente. Ciò significa che se il contribuente è obbligato a presentare una dichiarazione dei redditi per ottenere altri redditi, l'importo della pensione esente viene preso in considerazione in Spagna per calcolare l'imposta applicabile al reddito rimanente.
  2. Tuttavia, se il beneficiario della pensione pubblica residente in Spagna avesse la cittadinanza spagnola, le suddette pensioni sarebbero tassate solo in Spagna.
  • Pensione privata (articolo 17 CDI): per pensione privata si intende qualsiasi altra tipologia di pensione percepita in ragione di un precedente lavoro privato, a differenza di quanto è stato identificato come pubblico impiego, ad esempio la pensione percepita dalla previdenza sociale da un lavoratore del settore privato.

Le pensioni private saranno tassate solo in Spagna.

- Redditi derivanti da immobili (articolo 6 CDI): i redditi da immobili situati nel Regno Unito possono essere tassati sia in Spagna che nel Regno Unito.

Il contribuente residente avrebbe il diritto di applicare la detrazione per la doppia imposizione internazionale in Spagna nell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

- Dividendi (articolo 10 CDI): I dividendi di fonte britannica possono essere tassati in Spagna in conformità con la sua legislazione interna. Questi dividendi, in generale, possono essere tassati anche nel Regno Unito, se questo è lo Stato in cui risiede la società che paga i dividendi e secondo la sua legislazione interna, ma se il destinatario dei dividendi è il beneficiario effettivo residente in Spagna , L'imposta così richiesta nel Regno Unito avrà un limite massimo del 10% o del 15% dell'importo lordo dei dividendi. Il contribuente residente avrebbe il diritto di applicare la detrazione per la doppia imposizione internazionale in Spagna nell'imposta sul reddito delle persone fisiche fino a tale limite.

- Interessi (articolo 11 CDI): Gli interessi del Regno Unito e il cui beneficiario effettivo è residente in Spagna possono essere tassati solo in Spagna.

- Remunerazione dei membri dei consigli di amministrazione delle società residente nel Regno Unito (articolo 15 CDI): Possono essere tassati sia nel Regno Unito che in Spagna. Il contribuente avrebbe il diritto in Spagna di applicare la detrazione per doppia imposizione internazionale nell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

- Guadagni:

  • Derivati ​​immobiliari (articolo 13.1 CDI): i guadagni ottenuti dalla vendita di immobili situati nel Regno Unito, possono essere soggetti a tassazione sia in Spagna che nel Regno Unito. Il contribuente ha il diritto di applicare la detrazione per la doppia imposizione internazionale in Spagna nell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  • Derivati ​​di beni mobili che appartengono a una stabile organizzazione (articolo 13.2 CDI): i guadagni ottenuti dalla cessione di beni mobili che appartengono a una stabile organizzazione che un residente in Spagna possiede nel Regno Unito per svolgere attività commerciali, compresi i guadagni derivati dalla cessione della stabile organizzazione possono essere tassati sia nel Regno Unito che in Spagna. Il contribuente ha il diritto di applicare la detrazione per la doppia imposizione internazionale in Spagna nell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  • Derivati ​​dalla vendita di azioni, diverse da quelle che sono considerevolmente e regolarmente negoziate in una Borsa, partecipazioni o diritti simili, il cui valore proviene da oltre il 50 per cento, direttamente o indirettamente, da immobili situati nel Regno Unito (articolo 13.4 CDI): può essere tassato sia nel Regno Unito che in Spagna. Il contribuente ha il diritto di applicare la detrazione per la doppia imposizione internazionale in Spagna nell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  • Derivati ​​dalla vendita di azioni o partecipazioni o altri diritti che, direttamente o indirettamente, conferiscono al titolare di dette azioni, partecipazioni o diritti, il diritto di godere di un immobile situato nel Regno Unito (articolo 13.5 CDI): possono essere tassati entrambi nel Regno Unito e in Spagna. Il contribuente ha il diritto di applicare la detrazione per la doppia imposizione internazionale in Spagna nell'imposta sul reddito delle persone fisiche.
  • Derivati ​​dalla vendita di qualsiasi altro bene diverso da quelli menzionati nelle sezioni 1, 2, 3, 4 e 5 dell'articolo 13 (articolo 13.6 CDI): possono essere tassati solo in Spagna. Oltre a quelli sopra citati, l'Accordo elenca altre tipologie di reddito (benefici d'impresa, remunerazione del lavoro, artisti e atleti, funzioni pubbliche, altre entrate…), il cui trattamento è consultabile nel testo della stessa.

-OBLIGAZIONE DI INFORMAZIONI SU ATTIVITÀ ALL'ESTERO

Le persone residenti in Spagna devono informare l'Amministrazione fiscale spagnola su tre diverse categorie di beni e diritti situati all'estero:

  • conti presso istituti finanziari situati all'estero
  • titoli, diritti, assicurazioni e redditi depositati, gestiti o ottenuti all'estero
  • beni immobili e diritti su beni immobili situati all'estero

Questo obbligo deve essere adempiuto, tramite forma 720, tra il 1 ° gennaio e il 31 marzo dell'anno successivo a quello cui si riferiscono le informazioni da fornire.

Non ci sarà alcun obbligo di rendicontazione su ciascuna delle categorie di merci quando il valore dell'insieme di merci corrispondente a ciascuna categoria non supera i 50,000 euro.

Una volta presentata la dichiarazione informativa per una o più delle categorie di beni e diritti, la presentazione della dichiarazione negli anni successivi sarà obbligatoria quando il valore avrà subito un incremento di oltre 20,000 euro rispetto a quello determinato dalla presentazione di l'ultima affermazione.

La legge sull'imposta sul reddito delle persone fisiche e la legge fiscale generale stabiliscono conseguenze specifiche in caso di mancato rispetto di questo obbligo di informazione.